Attacchi di panico: le cause scatenanti

Introduzione

Lattacco di panico consiste nella comparsa improvvisa di un’intensa paura o disagio che raggiunge il picco in pochi minuti; l’individuo sperimenta 4 o più dei seguenti sintomi.

La letteratura che studia le cause scatenanti  è concorde sul definire che fattori di rischio per gli attacchi di panico sono :

  • situazioni di stress, o meglio distress
  • situazioni di dipendenza patologica
  • problematiche di tipo medico (ipertiroidismo, disturbi cardiaci ecc.)

É per questo necessario fare riferimento, dopo aver escluso o meno la compresenza di patologie mediche correlate, ad un livello di conoscenza più profondo e ad un approccio psicologico.

 

ATTACCHI DI PANICO: LE CAUSE SCATENANTI 

 

L’attacco di panico è una risposta emotiva, psicologica e fisica, che ha origini dall’esperienza di un evento o di una situazione di forte preoccupazione, ansia e distress, in cui l’individuo subisce una pervasiva ed improvvisa attivazione d’ansia caratterizzata da un’intensa paura.

Un attacco di panico può verificarsi sia stato di quiete che di ansia. Per capire perché si è verificato è importante aumentare le capacità di gestire il modo con cui ci si adatta al proprio ambiente in relazione alle diverse fasi del ciclo di vita e conoscere a cosa la propria ansia è correlata, se:

  • Al Distress del periodo che precede il primo attacco di panico sono presenti difficoltà lavorative o affettive, come il licenziamento, una situazione precaria, un recente lutto, una malattia di una persona cara o di sé, situazioni di divorzio;
  • Ad una situazione di paura contingente al rischio di perdere un genitore o i genitori, alla paura ingiustificata di essere abbandonati,  a vissuti relativi per una reale perdita o  separazione dal partner
  • All’incapacità di sentire una figura interiore stabile e tranquillizzante

Situazioni di lutto, fragilità e distress confermano che l’origine del disturbo di panico risieda nell’impotenza di far affidamento su risorse psicologiche interiori, funzionali a tollerare l’assenza dell’oggetto relazionale affettivo. Si rimanda per un sintetica spiegazione al significato inconscio del panico.

 

É IMPORTANTE CONOSCERE LE CAUSE DEGLI ATTACCHI DI PANICO…

…attraverso la comprensione del significato del proprio stress e di come la propria ansia si attiva, per prevenire il malessere psico-fisico di cui ne è l’espressione più intensa e cioè l’attacco di panico.

Il ruolo principale è dato dalla conoscenza personale. 

La prevenzione passa attraverso la conoscenza di sé, il centro da cui partire per sentirsi capaci di affrontare i cambiamenti e le sfide che la vita personale comporta è se stessi.

La scelta d’intraprendere un percorso di conoscenza di sé, senza arrivare alla “goccia che fa traboccare il vaso”,  comporta la possibilità di superare i rischi quali:

  • un aumento del livello d’ansia e la probabilità che si verifichino altri attacchi di panico
  • una tendenza all’ isolamento sociale e l’insorgere di uno stato di depressione
  • un circolo vizioso auto-giudicante, composto di pensieri e aspettative negative che alimentano un’immagine di sé svalutante e povera di autostima.
Conclusione

Apprendere dalla propria esperienza di vita è un passo da cui guardare all’orizzonte con un nuovo sguardo e forse, riconoscere le cause di un attacco di panico, è un’opportunità da cogliere per conoscere se stessi…Buon viaggio!

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *